Basket: intervista esclusiva ad Andrea Da Prato, coach della Pielle Livorno

In vista dell’inizio del campionato di Serie C Gold abbiamo ascoltato l’head coach della Pielle Livorno, Andrea Da Prato

foto di Andrea Da Prato tratta dalla pagina Facebook della Pielle Livorno

In vista dell’inizio del campionato di Serie C Gold, e dopo la definizione dei gironi, abbiamo intervistato l’head coach della Pielle Livorno Andrea Da Prato

Continua la nostra serie di interviste agli allenatori delle squadre livornesi. Dopo il coach della Libertas Livorno 1947, oggi è la volta del capo-allenatore della Pielle Livorno, una delle compagini più accreditate del girone toscano della Serie C Gold, nel quale troverà posto anche un’altra Toscana, la Toscana Food Don Bosco.

Grazie per questa intervista, subito una domanda scivolosa: è contento della campagna acquisti?

Sicuramente sì, abbiamo raggiunto tutti i nostri obiettivi di inizio estate. L’idea, centrata, era quella di modificare l’assetto della squadra; nella passata stagione avevamo giocatori intercambiabili, e ciascuno di loro poteva scendere sul parquet per tanti minuti.

Quest’anno la scelta è stata quella di inserire due giocatori del nostro settore giovanile, che all’inizio saranno Portas e Nannipieri, di confermare lo zoccolo duro, con Dell’Agnello e Burgalassi, e Filippo Creati, che, come Under, si è rivelato molto importante in questi anni.

Abbiamo, inoltre, preso cinque giocatori, tutte nostre prime scelte. Penso ad Alessio Iardella e Tommaso Tempestini che scendono in Serie C dopo anni in Serie B, all’acquisto di due giocatori importanti come Michael Lemmi e Franci Zeneli, che hanno vinto vari campionati di Serie C Gold; abbiamo, inoltre, puntato le nostre fishes su Alessandro Congedo, che ha fatto bene in questi anni in Serie C Silver.

Alla fine io e la società siamo molto contenti di come siamo riusciti a modellare questa squadra.

Come giudica il livello del campionato?

Il livello del campionato, rispetto all’anno scorso, si è sicuramente alzato. E’ salita al piano superiore la corazzata Chiusi e si è autoretrocessa Altopascio, ma nel girone ci saranno due corazzate come Montecatini e Lucca, lo scorso anno militanti in Serie B.

Diciamo quindi che al posto di una squadra forte e di una normale, sono arrivate due squadre provenienti dalla categoria superiore e molto forti.

Il livello, che già negli anni scorsi era alto, si è ancora di più elevato. Ci sono piazze storiche, come Montecatini e Lucca, che vorranno recitare un ruolo da protagoniste.

Non ci sono ancora indicazioni sul format, ma è presumibile che il regolamento preveda una sola promozione. Sarà una battaglia fino all’ultimo. Alla fine ci sarà sola una squadra contenta e tante saltre deluse.

Quali le ambizioni, in un girone dalla concorrenza così temibile ?

Sono quelle di disputare un campionato di vertice. Dobbiamo ancora attendere la formula del campionato e non sappiamo ancora se verrà fatto un girone di andata e ritorno, non sappiamo quando inizieremo, non sappiamo se ci sarà la Coppa Toscana come pre-campionato, se verranno fatti tre giorni da 5 squadre e poi verranno portati dietro i risultati.

Siamo qui ancora con tati punti interrogativi, sicuramente dovremmo farci trovare pronti per le partite che conteranno, quelle da aprile in poi, quelle dei playoff.

Le squadre che teme nel girone?

Quelle più pericolose sono sicuramente Castelfiorentino, che lo scorso anno ha battagliato tutto il campionato con la corazzata Chiusi, la sempre competitiva Agliana, la Virtus Siena, altra una gatta dura da pelare, sopratutto nelle partite casalinghe. Occhio anche a Legnaia; in terra fiorentina hanno confermato il blocco che lo scorso anno ha vinto la Coppa Toscana e poi, sicuramente, a Montecatini che sta allestendo una squadra di prima fascia.

In definitiva, un campionato molto livellato verso l’alto, dove non ci saranno squadre materasso e nel quale saranno tante ad ambire alla promozione.

SEGUITE IL NOSTRO GIORNALE SU TWITTER

TUTTE LE ULTIME NOVITA’ SULLA PALLACANESTRO LIVORNESE

LA STORIA DELLA PALLACANESTRO LIVORNESE

Massimo Landi

Sposato con una figlia, intermediario assicurativo. Sono amante della pallacanestro (ho giocato in Serie C e Serie D), sono tifoso del Milan, mi piace la politica e sono appassionato di tennis e baseball. Ho creato e gestisco il sito www.ilbasketlivornese.it. Non vivo senza Twitter, l'Iphone, l'Ipad, il Mac e Sky. Mi piace tutto quello che riguarda gli Stati Uniti. Ho creato e gestisco anche i blog LivornoRossoNera e Livorno Times.

Massimo Landi ha 1090 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Massimo Landi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.