Subscribe for notification
LIVORNO

Sequestrati 180 kg di cocaina nel porto di Livorno provenienti dal Sud America

Cocaina purissima che i narcos erano riusciti a fare arrivare in Italia all’interno di un container frigo carico di banane partito un mese prima da un porto sudamericano

fonte immagine: Comando Provinciale Guardia di Finanza di Livorno

Questo il più recente esito di approfonditi controlli ad ampio raggio, diretti dalla Procura di Livorno ed effettuati presso il porto labronico, dai funzionari del locale Reparto Antifrode dell’Ufficio delle Dogane e dai finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Livorno.

Pubblicità

Cocaina purissima che i narcos erano riusciti a far arrivare in Italia all’interno di un container frigo carico di banane, partito un mese prima da uno porto sudamericano.

Per cercare di ingannare le attività ispettive, gli oltre 150 panetti di cocaina erano stati nascosti nella struttura interna del contenitore che trasportava il carico di banane dal Sud America.

L’ingegnoso sistema di occultamento è stato scoperto grazie agli strumenti messi in campo dall’Agenzia delle Dogane, all’esperienza e alla meticolosità degli approfondimenti svolti dalle Fiamme Gialle e dai doganieri, supportati anche dalle unità cinofile della Guardia di Finanza.

Il complessivo sequestro operato segna un ulteriore tassello a favore della lotta al narcotraffico sul territorio nazionale ed è il risultato di una quotidiana e metodica attività di controllo “sul campo”, svolta diuturnamente sul traffico passeggeri, veicoli e merci del porto di Livorno.

Il video del sequestro:

Gli elementi di rischi valutati hanno trovato conferma con la minuziosa ispezione del container: la sostanza stupefacente era divisa in ben 152 panetti imballati mediante nastro isolante ed inseriti in fondo al contenitore, dietro tonnellate di banane, ma gli escamotage utilizzati dai “signori della droga” non sono bastati a non fare individuare l’ingente carico di droga.

Lo stupefacente, dopo essere stato campionato ed analizzato dal laboratorio della Locale Agenzia delle Dogana, su disposizione della Procura della Repubblica, è stato distrutto presso l’inceneritore e così strappato alle piazze di spaccio ove avrebbe fruttato, alla criminalità organizzata, oltre 50 milioni di euro.

Le attività, effettuate in stretta sinergia operativa tra Fiamme Gialle ed ADM, sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Livorno che ha convalidato il sequestro.

FONTE: COMANDO PROVINCIALE GUARDIA DI FINANZA DI LIVORNO

Pubblicità

Redazione

Post recenti

Basket, Serie B: la LL 1947 vince contro Borgomanero

Dopo le due sconfitte, di campionato e di Coppa Italia, gli amaranto ritrovano la strada…

10 ore fa

Emanuel Cirinei va su Netflix il prossimo 1°febbraio

Il livornese apparirà nella docuserie "I milioni di Gunther" sulle note vicende del miliardario pisano…

13 ore fa

Scontro auto-scooter davanti ai Pancaldi

Ad avere la peggio la donna a bordo dello scooter #livorno

14 ore fa

The Voice Battle: i vincitori della 1°edizione

Ecco i nomi dei vincitori della prima edizione di “The Voice Battle”: il contest per…

14 ore fa

Rugby di B: giornata di riposo per i LundaX Lions Amaranto

I risultati dagli altri campi sorridono ai livornesi #livorno

15 ore fa

La partita Seravezza-Livorno termina a reti inviolate

Gli amaranto con un attacco, che non incide, devono accontentarsi del pareggio Foto di repertorio…

15 ore fa

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni, consulta la nostra politica sui cookie.

Leggi di più