Subscribe for notification
LIVORNO

Livorno in un documentario sulla CCTV cinese

Prodotto da Toscana Promozione Turistica, andrà in onda quest’anno su vari canali e piattaforme web

Un grande affresco della Toscana in 8 puntate, 400 minuti per raccontare al pubblico cinese di CCTV – China Central Television, la più importante emittente cinese, le meraviglie della nostra regione. Affidato alla regia di Paolo Carrino (salernitano di nascita, profondamente legato alla Cina), “Rinascimento senza fine” descrive le tante facce della Toscana e tra queste anche quella sicuramente originale di Livorno. Girato nel corso di tutto il 2021, il documentario è stato prodotto da Toscana Promozione Turistica in collaborazione con CCTV. 

Pubblicità

fonte immagine: Comune di Livorno

Seguita logisticamente da Fondazione Lem che tra le sue mission ha la promozione turistica della città, la troupe di Carrino ha scelto di essere a Livorno in coincidenza dello spettacolo “Millenovecentoventuno”, andato in scena il 18 dicembre 2021 in quello stesso teatro, il Goldoni, dove cento anni prima ebbe luogo la scissione interna al PSI con la successiva nascita del PCd’I. 
Ma prima e dopo la rappresentazione il regista si è lasciato conquistare dalla città, dai suoi tramonti e dalle sue persone.

Carrino e la produttrice esecutiva della tv cinese Hongmei Nie sono stati accompagnati dallo staff del Lem in visita nei luoghi più rappresentativi della città per interviste ad esponenti della cultura cittadina e custodi della sua memoria storica. Il regista ha voluto ascoltare anche la voce del sindaco Luca Salvetti, cui è stato affidato, tra l’altro, il non facile tentativo di spiegare col sorriso sulle labbra il campanilismo Livorno-Pisa al pubblico cinese. 

“Per il mio lavoro con Rai e Uno Mattina ho girato tutta Italia”, racconta Carrino. “Ero convinto di essere già stato anche a Livorno, ma mi sbagliavo. Con grande piacere ho scoperto una città tutta da raccontare: fuori dagli schemi delle più blasonate toscane, vivibile, vera, con un grande potenziale turistico e dove vivrei volentieri.

Quello che più ha colpito la troupe italocinese” aggiunge il regista, “è stata l’eccezionale accoglienza concreta e umana. D’altronde, per me le città di mare hanno un lato in meno e questo le rende più aperte, disponibili al dialogo, accoglienti. In questi due giorni qui a Livorno tutto ciò è stato provato dai fatti”.

Sempre con la produzione esecutiva di Hongmei Nie Paolo Carrino ha realizzato nel 2018 una nota serie in ben 100 puntate dedicata a Roma, andata in onda in Cina durante il lockdown del 2020.

Il documentario sulla Toscana verrà trasmesso da vari canali e piattaforme internet nel corso del 2023. 

Hanno partecipato alla presentazione del video il sindaco Luca Salvetti, l’assessore regionale al Turismo Leonardo Marras, l’omologo livornese Rocco Garufo, il direttore di Toscana Promozione Turistica Francesco Tapinassi e il regista del documentario Paolo Carrino.

Le affermazioni del primo cittadino di Livorno Luca Salvetti:

“Negli ultimi due anni e mezzo Livorno è stata un set per spot pubblicitari di altissimo livello divenendo un elemento attrattivo nei confronti di chi doveva promuovere i propri marchi e un modo per far conoscere la città. Questo tesoro in cui viviamo, Regione compresa, lo mettiamo a disposizione di tutti, affinchè venga scoperto e apprezzato dai turisti di tutto il mondo. 

“Il Rinascimento senza fine” è la chiave di lettura giusta per tutti i mercati, ma in particolare per il mercato cinese. Il video su Livorno e le otto puntate che andranno in onda sulla televisione di Stato cinese, confermano le bellezze della nostra terra e l’attrattiva che essa può esercitare sulla popolazione cinese. 

In questo percorso Livorno gioca una parte significativa, dal momento che è l’unica città di frontiera, è una peculiarità che l’altra Toscana non ha. Significa mettere insieme elementi che non troviamo nelle altre città, questo tratto distintivo dell’accoglienza via mare, può diventare una forza per Livorno e anche per la Toscana.  

Abbiamo l’occasione, come città di Livorno, di inserirsi in un quadro più ampio e straordinario, che comprende le città d’arte, con tutta la nostra diversità e peculiarità. I risultati turistici dell’Ambito di Livorno, al momento, nonostante il Covid, sono cresciuti del 6,2%, grazie al lavoro dell’assessorato al Turismo e Commercio”. 

Presente alla presentazione anche l’Assessore Regionale al Commercio Leonardo Marras che ha commentato:

“E’ evidente che la città ha fatto in questi anni un grande lavoro, un grande sforzo di accoglienza, con gli eventi, con la riscoperta di alcuni spazi. Una situazione che permette di incrociare un interesse e di poter far sì che Livorno non sia soltanto una città di passaggio ma che possa essere identificata anche dal punto di vista turistico”.  

Le parole del regista Paolo Carrino:

“Con la precedente serie dedicata a Roma abbiamo fatto un documentario in 100 puntate brevi e abbiamo fatto 900 milioni di spettatori, in pratica un cinese su 2 e mezzo ha visto almeno un minuto della nostra serie.

Con la serie dedicata alla Toscana contiamo di bissare questo risultato, anzi in teoria la Toscana dovrebbe attrarre più di Roma.

Con questo lavoro abbiamo raccontato la Toscana per quello che deve essere, senza essere troppo profondi, siamo passati per dei posti e abbiamo documentato con un occhio ingenuo le vostre meraviglie”. 

Le parole di Francesco Tapinassi (direttore di Toscana Promozione Turistica)

“Lo sforzo da fare è quello di dare nuovi modelli di comunicazione che permettano di conoscere un’altra Toscana altrettanto interessante, altrettanto bella ma che semplicemente va fatto conoscere un po’ di più”.

In conclusione l’intervento dell’Assessore al Turismo ed al Commercio del Comune di Livorno Rocco Garufo:

“I video rappresentano una serie di bellezze incastonate una dentro l’altra: Toscana, Val D’Orcia, Livorno. Se oggi a Livorno cominciamo a vedere risultati positivi nel settore del turismo è perchè, appena l’Amministrazione si è insediata, ha tradotto queste bellezze in atti e fatti concreti.

Il primo atto è stata la costituzione dell’Ambito Turistico e il legame con le politiche di Regione Toscana e di Toscana Promozione.

Abbiamo costruito una collaborazione istituzionale, quella possibilità di relazioni che permette a Livorno di entrare in un circuito molto grande. Insieme a questo abbiamo rimesso in moto la Fondazione Lem, che ha dato in questi anni, peraltro difficili a causa della pandemia, sotto il profilo dell’organizzazione degli eventi e di iniziative varie.

I risultati si vedono, con le presenze turistiche in aumento, siamo soddisfatti, ma questo è un punto di partenza e l’obiettivo è di migliorare ancora, anche e soprattutto creando un tessuto di relazioni più stretto tra pubblico e privato”. 

FONTE: COMUNE DI LIVORNO

Pubblicità
Redazione

Post recenti

Basket, Serie B: la LL 1947 vince contro Borgomanero

Dopo le due sconfitte, di campionato e di Coppa Italia, gli amaranto ritrovano la strada…

10 ore fa

Emanuel Cirinei va su Netflix il prossimo 1°febbraio

Il livornese apparirà nella docuserie "I milioni di Gunther" sulle note vicende del miliardario pisano…

13 ore fa

Scontro auto-scooter davanti ai Pancaldi

Ad avere la peggio la donna a bordo dello scooter #livorno

14 ore fa

The Voice Battle: i vincitori della 1°edizione

Ecco i nomi dei vincitori della prima edizione di “The Voice Battle”: il contest per…

14 ore fa

Rugby di B: giornata di riposo per i LundaX Lions Amaranto

I risultati dagli altri campi sorridono ai livornesi #livorno

15 ore fa

La partita Seravezza-Livorno termina a reti inviolate

Gli amaranto con un attacco, che non incide, devono accontentarsi del pareggio Foto di repertorio…

15 ore fa

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza su questo sito. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni, consulta la nostra politica sui cookie.

Leggi di più