CRONACA

Smantellata associazione a delinquere di produzione e commercio marchi contraffatti

E’ stata smantellata un’associazione a delinquere di produzione e commercio marchi contraffatti daI militari della Guardia di Finanza

La base operativa del gruppo era in Toscana e gli affari in tutta Italia
Smantellata associazione a delinquere di produzione e commercio marchi contraffatti
Immagine fonte video G.dF. Smantellata associazione a delinquere di produzione e commercio marchi contraffatti

I militari della Guardia di Finanza del Gruppo di Viareggio, sotto la direzione dei Pubblici Ministeri Dott.ssa Ester Nocera e anche Leopoldo De Gregorio della Procura della Repubblica di Firenze – Direzione Distrettuale Antimafia – hanno portato a termine una complessa e articolata indagine nei confronti di una associazione per delinquere finalizzata alla:

  • produzione,
  • commercializzazione e
  • ricettazione di prodotti di pelletteria di alto pregio recanti famosi marchi contraffatti.
Ai domiciliari sono finite 7 persone per i reati di:
  • Associazione per delinquere (416 C.P.),
  • Ricettazione (art. 648 C.P.),
  • Contraffazione, alterazione o uso marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni (art. 473 C.P.),
  • Introduzione nello Stato e anche commercio di prodotti con segni falsi (art. 474 C.P.).

Le ordinanze di custodia cautelare, disposte dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Firenze Dott. Giampaolo Boninsegna, sono state eseguite a Milano, Monza, Empoli e Firenze nei confronti di 5 italiani, un cittadino cinese e anche un cittadino coreano.

Sono stati indagati complessivamente 21 soggetti, implicati a vario titolo nell’attività illecita. Tra questi figurano tre coppie padre/figlio:
  • il promotore dell’associazione, originario di Empoli e domiciliato a Monza che, unitamente al padre indagato, aveva i contatti con i fornitori delle materie prime come il pellame;
  • un padre indagato e il figlio arrestato per la fornitura dei semilavorati;
  • infine un altro padre indagato, che curava le spedizioni all’estero insieme al figlio arrestato.

Dalle intercettazioni è emerso che i figli prendevano accordi telefonici fra loro e, successivamente, i genitori ultrasettantenni, sperando di non destare sospetti, si incontravano di persona per finalizzare lo scambio della merce. Altri soggetti avevano compiti meramente esecutivi come l’assemblaggio e la consegna dei prodotti.

L’associazione criminale, con base operativa in Toscana e operante fino in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, vantava una fitta rete di contatti che consentiva di curare tutti i passaggi della produzione, dalla lavorazione della pelle, all’approvvigionamento di cartellini e confezioni varie, alla vendita, finanche la commercializzazione in negozi di lusso in Canada, Cina, Repubblica Popolare di Corea, Austria e Germania, dove i prodotti venivano venduti come originali a prezzi elevati.

Le spedizioni verso l’estero avvenivano mediante l’utilizzo di documentazione fiscale e doganale falsificata.

Nel corso delle indagini più volte la merce già imballata e pronta per essere spedita veniva bloccata all’aeroporto di Milano Malpensa e sequestrata grazie al tempestivo intervento dei militari della Guardia di Finanza.

All’interno dell’organizzazione era poi prevista una figura che si occupava di creare società all’estero, in particolare a Londra, che servivano per far arrivare i pagamenti estero su estero e a far poi transitare il denaro in Italia, su conti correnti che venivano rapidamente svuotati mediante prelevamenti agli sportelli bancomat.

L’associazione criminale non ha interrotto le attività neanche durante l’emergenza sanitaria, infatti sono le forze dell’ordine hanno comminato numerose sanzioni amministrative a molti degli indagati, in quanto si spostavano senza valido motivo durante i divieti imposti per ridurre il rischio di contagio.

Contestualmente gli inquirenti hanno disposto un sequestro preventivo per equivalente dell’illecito profitto, riconducibile all’intera organizzazione, quantificato in:
  • 5 milioni di euro consistenti:
    • in 8 immobili, un terreno,
    • 33 conti correnti,
    • disponibilità finanziarie,
    • 4 autovetture e
    • 4 motoveicoli.

Le indagini sono state condotte mediante intercettazioni ambientali e telefoniche, anche di numeri internazionali, analisi di dispositivi informatici, appostamenti, pedinamenti e monitoraggio delle spedizioni internazionali.

Nel corso delle attività, durate oltre un anno e mezzo, le Fiamme gialle hanno sequestrato complessivamente:
  • più di 50.000 prodotti falsi,
  • 500 metri quadrati di stoffa delle più note griffe dell’alta moda italiana e internazionale tra cui
    • Gucci,
    • Hermes,
    • Louis Vuitton,
    • Chanel, Prada,
    • Yves Saint Laurent,
    • Givenchy, Dior,
    • Céline, Balenciaga e
    • Ferragamo,
  • oltre a macchinari per la stampa su pelle.

L’azione di contrasto al fenomeno della contraffazione e anche dell’abusivismo commerciale rientra tra i compiti primari della Guardia di Finanza, si pone l’obiettivo di tutelare il made in Italy assicurando un’efficace risposta alle esigenze di tutela dell’Erario, del mercato e dei soggetti economici che operano nel rispetto delle regole e della collettività. Tale fenomeno illecito, oltre a mettere in pericolo la salute e la sicurezza dei consumatori, per il frequente utilizzo di materie prime tossiche, ha ripercussioni negative sul mercato in quanto sottrae opportunità e lavoro alle imprese oneste.

Puoi saperne di più se guardi anche il video “Smantellata associazione a delinquere di produzione e commercio marchi contraffatti”: al link http://video.gdf.gov.it/media/smantellata-associazione-a-delinquere-del-falso-7-

Fonte G.d.F.

Stay Tuned

Per leggere i nostri articoli vai sulla nostra pagina Facebook oppure sul nostro giornale on line e anche sul nostro canale Telegram

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli popolari

To Top