Il Livorno si congeda dalla cadetteria con una sconfitta

Contro l’Empoli arriva il nono KO consecutivo
Il Livorno si congeda dalla cadetteria con una sconfitta
Immagine tratta dal profilo Instagram
Il Livorno si congeda dalla cadetteria con una sconfitta

Anche l’ultimo episodio di questo deprimente campionato del Livorno finisce con una sconfitta. Stavolta a banchettare con gli amaranto, mai così appassiti nella loro ultracentenario storia, è l’Empoli, che, con i tre punti, aggancia i playoff. Un successo, quello degli azzurri toscani, che di fatto riscrive la storia: mai erano riusciti ad espugnare il “Picchi” nei 27 tentativi precedenti. Così il Livorno si congeda con il nono KO consecutivo

Fine di un incubo

I ragazzi di Antonio Filippini ci hanno anche provato a regalare un sorriso ai propri sostenitori, ma è bastato un Empoli da minimo sindacale per portare a casa i tre punti. Un successo suggellato dalle reti in chiusura di primo tempo del figlio d’arto Antonelli, suo padre Roberto detto “Dustin” fu a lungo caposaldo del Milan della stella, e di La Mantia in avvio di ripresa. E proprio la rete dell’ex Entella, la scorsa estate accostato proprio al Livorno, ma costava troppo……., ha di fatto chiuso la partita e la deprimente stagione degli uomini di Filippini.

Livorno – Empoli 0-2

Livorno: Neri, Marie-Sainte (29′ st Ruggiero), Boben, Coppola, Morelli (45′ st Bani), Awua (42′ st Fremura), Luci (29′ st Bellandi), Nunziatini (6′ st Trovato), Seck, Pallecchi, Murilo. A disp.: Ricci, Plizzari, Pecchia, Petri, Agazzi, Porcino, Haoudi. All.: Antonio Filippini.

Empoli: Brignoli, Gazzola (8′ pt Fiamozzi), Nikolaou, Romagnoli, Antonelli, Ricci, Bandinelli (45′ st Frattesi), Henderson, Ciciretti, La Mantia (30′ st Mancuso), Bajrami (45′ st Moreo). A disp.: Branduani, Perucchini, Balkovec, Pinna, Viti, Sierralta, Zurkowski, Tutino. All.: Marino.

Reti: 44′ pt Antonelli, 6′ st La Mantia.

Ammoniti: Ricci, Awua

Stay Tuned

Per leggere i nostri articoli vai sulla nostra pagina Facebook oppure sul nostro giornale on line

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.