A Livorno è nata l’A.N.T.I. Associazione Nazionale Tatuatori Italiani

Avevamo visto un video qualche giorno fa che denunciava le difficoltà della categoria dei tatuatori, così abbiamo deciso di intervistare Denny, come emblema di tutte le aziende che hanno subito la chiusura forzata per le disposizioni anticontagio.
A Livorno è nata l'A.N.T.I. Associazione Nazionale Tatuatori Italiani
Immagini composita di fotografie presenti sul profilo Facebook di Denny

Durante il botta e risposta abbiamo saputo che a Livorno è nata l’A.N.T.I., ma andiamo a leggere l’interessante intervista.

Dove e in quale settore opera la sua attività?

“Sono un tatuatore ed ho lo studio in via delle Bandiere 34, a Livorno”

Come è riuscito a cavarsela in questo periodo?

“Il metodo è stato tanto semplice quanto doloroso; come altre persone che hanno un’attività ho accumulato debiti. Poi ho usato quei risparmi ancora disponibili per poter fare la spesa di generi indispensabili. Una situazione nella quale, però, ti senti abbandonato a te stesso dallo Stato, che però pretende che tu effettui i pagamenti dei contributi, pur non avendo lavorato. “

Perché ti sei sentito abbandonato dallo Stato ?

” La mia è una di quelle attività che non ha ancora ricevuto alcun aiuto. Finora lo Stato ha elargito pochi soldi per poter portare avanti una famiglia, che io ancora non ho ricevuto, con dei tempi molto lunghi. Nel frattempo con cosa dovevamo mangiare?”

Inoltre la mia categoria non è riconosciuta e mai è stata menzionata dal Presidente del Consiglio nei propri discorsi, ma i sacrifici li facciamo anche noi, questo sia ben chiaro!”

Cosa dovrebbe fare lo stato per aiutare le imprese come la sua?

” Sicuramente tempi più snelli e procedure più facilitate; oggi la burocrazia uccide le aziende. Poi 600 euro per chi deve stare chiuso sono troppo pochi, dovrebbero essere il premio per aver superato tutte le difficoltà ed essere riusciti a fare la domanda del contributo.”

Come si approccia al futuro?

” Fino a qualche tempo fa ero titubante, ma dopo quanto accaduto assieme ho fondato, assieme ad altre persone, un’associazione nazionale di tatuatori. Tutto questo nel tentativo di poter portare avanti le richieste di riconoscimento dei nostri diritti. In pochi giorni ho ricevuto centinaia di adesioni. La nuova organizzazione si chiamerà A.N.T.I., acronimo di Associazione Nazionale Tatuatori Italiani.”

Beh che dire? In bocca al lupo Denny

Stay Tuned

Per leggere i nostri articoli vai sulla nostra pagina Facebook oppure sul nostro giornale on line

Marco Ristori

Nato il 25 Marzo del 1966 sin dalla più giovane età si è distinto per mettersi nei guai a causa di incaute caricature. Laureato nel 2009 in Scienze e Tecnologie dell'Ambiente a Pisa, ha continuato il proprio hobby della satira, fino ad approdare alla Nazione, dove l'allora caporedattore Cruschelli lo lanciò. Il vignettista poi diventò un personaggio televisivo, continuando a fare satira sia sportiva che politica. Ad ottobre del 2019 i fatti danno ragione ai propri detrattori, infatti al secondo fumetto serio 'Artidoro' giungerà un grande successo inaspettato, il palcoscenico di 'Lucca Comics'. Si vede che da lassù gli hanno detto di cambiare strada e adesso infatti è iniziata la nuova avventura editoriale con L'Osservatore

Marco Ristori ha 2098 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Marco Ristori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.