Decreto Cura Italia le richieste per Bonus 600 euro dalla prossima settimana

Dalla prossima settimana anche i lavoratori autonomi potranno richiedere l’indennità di 600 euro, prevista dal decreto Cura Italia per le categorie, che risentono a livello economico dell’emergenza Coronavirus.

by Vito
Decreto Cura Italia le richieste per bonus 600 euro dalla prossima settimana. Chi può richiedere i bonus e come?

Il presidente dell’Inps ha spiegato quali sono i lavoratori autonomi coinvolti nel Decreto Cura Italia per le richieste dei bonus di 600 euro: “Quasi tutti, sono cinque milioni di persone”. Il numero uno dell’istituto di previdenza ricorda che la richiesta per il bonus è “accessibile dal sito dell’Inps attraverso il Pin dispositivo”. Non ci saranno, per accedere, requisiti economici specifici, fatta eccezione per il settore del turismo per il quale si deve dimostrare l’effettivo danno economico. Per tutti gli altri, invece, “è una sorta di reddito di cittadinanza universale”, esteso agli autonomi in considerazione dell’attuale situazione.

A chi andrà il bonus baby sitter?

L’Inps chiarisce oggi anche alcuni aspetti del bonus baby sitter. Le domande verranno prese in considerazione sulla base dell’ordine cronologico di presentazione: quindi chi prima arriva ha la certezza di vedersi erogato il bonus. Una volta esaurite le risorse attualmente a disposizione non verranno accettate altre domande. Il voucher baby sitter consiste in 600 euro e si può chiedere in alternativa al congedo parentale per i genitori con figli, che hanno non più di 12 anni (entro il 5 marzo). Il bonus diventa di mille euro per gli operatori sanitari e le forze dell’ordine impegnate in prima linea per l’emergenza.

Chi può accedere al bonus?

Al bonus possono accedere i lavoratori privati e pubblici, ma anche gli autonomi non iscritti all’Inps, ma a casse previdenziali professionali. L’importo non aumenterà in caso di più figli a carico. L’istituto di previdenza renderà poi nota “la tempistica di rilascio della procedura per l’acquisizione delle domande di bonus da parte dei cittadini e per il tramite degli intermediari abilitati. L’Inps precisa che le domande arrivate dopo il superamento dei limiti di spesa saranno messe in stand by e potranno essere accolte solo nel caso di stanziamento di ulteriori risorse”.

TUTTO QUELLO CHE VOLETE SAPERE SULLA NOSTRA CITTA’, CLICCATE QUI

SEGUITECI SU TWITTER, CLICCATE QUI

Laura Petreccia

Crescendo ho maturato un forte interesse verso l'idea di entrare nel mondo del giornalismo, per mettere a frutto le mie buone capacità di scrittura e sintesi. A tal fine ho frequentato una Scuola di Scrittura Creativa, dopo la quale ho potuto compiere le mie prime esperienze lavorative. In questo periodo di tempo ho appreso molti segreti del mestiere. Sono una persona curiosa, spinta dal desiderio di fornire sempre nuove e articoli completi e interessanti.

Laura Petreccia ha 298 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Laura Petreccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.