Un gran bel Livorno blocca il Frosinone secondo in classifica

Gli amaranto mettono a lungo sotto la squadra di Alessandro Nesta; è un gran bel Livorno

Un gran bel Livorno blocca il Frosinone secondo in classifica
Manuel Marras, ancora una volta tra i migliori, Fonte Livorno calcio

Se un extraterrestre fosse piombato all’“Armando Picchi” senza conoscere i colori sociali di Livorno e Frosinone ed avesse visto la classifica, beh avrebbe sicuramente pensato che la seconda in classifica vestisse di amaranto. Già, perchè nel catino ardenzino la squadra più in palla è stata proprio il Livorno, al quale il risultato finale, un emozionate pareggio, per 2-2, va davvero stretto. Gli uomini di Roberto Breda hanno dato continuità alla bella prestazione di Verona e sono stati davvero ad un passo dal ritrovare quella vittoria interna che manca dall’ormai lontanissimo 2 novembre, 2-1 alla Juve Stabia.

Squadra trasformata

Nella fredda serata del “Picchi”, gli amaranto sono apparsi trasformati rispetto all’undici che nell’ultima apparizione interna, con il Cosenza, aveva fatto davvero una figura barbina. Al netto degli accorgimenti tattici di Roberto Breda, con il ritorno alla difesa a tre già da qualche settimana, a sorprendere è stata la voglia degli amaranto. Quella che fino a due settimane fa sembrava un’armata Brancaleone destinata alla retrocessione, adesso è diventata una banda di “pasdaran” che lotta su ogni pallone, anche quelli che sembrano impossibili. Non è certo un caso che da quando è avvenuta questa metamorfosi, sono arrivati il colpaccio di Verona ed il pareggio di questa sera, contro una squadra che arrivava da cinque vittorie di fila. Quattro punti forse non sufficienti per far rinascere le speranze salvezza, ma comunque perfetti per regalare dignità ad un campionato fino a dieci giorni fa vergognoso.

Rigore

Speranze che sarebbero aumentate a dismisura se al Frosinone non fosse stato concesso un penalty a dir poco dubbio per un fallo di Seck su Novakovic. Una decisione che di fatto ha scippato due punti alla truppa di Roberto Breda. Il che ha, ovviamente, provocato le giuste lamentele del pubblico labronico. Del resto, quando c’è da prendere una decisione dubbia tra l’ultima e la seconda chi volete che venga favorita…….?

Il Futuro

A prescindere dal fatto che due delle squadre che precedono il Livorno in classifica – Cosenza e Cremonese – abbiano perso, diventa azzardato anche solo sperare nella salvezza, ma il solco è tracciato. Ferrari, anche oggi a segno, e compagni devono continuare su questa falsariga, poi se saranno bravi a conquistare un bel filotto di vittorie, beh allora il sogno, l’utopia, potrebbe incredibilmente realizzarsi. Condicio sine qua non, però, diventa il gran derby di sabato prossimo a Pisa: ecco, espugnare l’“Arena Garibaldi” potrebbe trasformare l’impresa da impossibile a difficile, con tutto ciò che ne consegue.

Per leggere i nostri articoli vai sulla nostra pagina Facebook oppure sul nostro giornale on line

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.