A Livorno Parco Centro Città vietato ai cani ma non alla spazzatura

In città ci sono dei parchi destinati ad usi esclusivi, in alcuni di questi non si può entrare col cane. Anche il “Parco Centro Città”, a ridosso dell’ex cinema Odeon, è un’area destinata all’uso esclusivo dei bambini. La misura è stata presa per tutelarne incolumità e salute, ma stando a queste immagini qualche dubbio potrebbe venire. A Livorno Parco Centro Città vietato ai cani ma non alla spazzatura.

A Livorno Parco Centro Città vietato ai cani ma non alla spazzatura
Fotografia di un lettore

Dalle colonne di questo giornale spesso abbiamo stigmatizzato comportamenti sbagliati e chiesto l’intervento dei vigili ambientali, ma in questo caso far presidiare il parco diventa complicato, con una città ha problemi più importanti da risolvere, della sporcizia lasciata a terra da dei maleducati.

Visto che l’area è adibita ai bambini, le persone responsabili della sporcizia per terra si dovrebbero interrogare su quale esempio danno ai più piccoli. Inoltre non è che lasciare i rifiuti così faccia bene alla salute, magari qualcuno di questi incivili è andato a fare incetta ai supermercati di igienizzanti come l’amuchina, per disinfettarsi le mani….

A Livorno Parco Centro Città vietato ai cani ma non alla spazzatura
Fotografia fatta da un lettore

Le persone, che invece sono indifferenti a certi spettacoli, visto che in gioco c’è la pulizia e l’igiene soprattutto dei bambini non solo la loro educazione, dovrebbero stigmatizzare pubblicamente tali comportamenti, e non solo nei parchi. Non occorre litigare, basta far notare la diseducazione. Perché il problema non è il passaggio dei cani a guinzaglio dei padroni da questo parco, ma alcuni umani che lo frequentano.

Stay Tuned

Per leggere i nostri articoli vai sulla nostra pagina Facebook oppure sul nostro giornale on line

Marco Ristori

Nato il 25 Marzo del 1966 sin dalla più giovane età si è distinto per mettersi nei guai a causa di incaute caricature. Laureato nel 2009 in Scienze e Tecnologie dell'Ambiente a Pisa, ha continuato il proprio hobby della satira, fino ad approdare alla Nazione, dove l'allora caporedattore Cruschelli lo lanciò. Il vignettista poi diventò un personaggio televisivo, continuando a fare satira sia sportiva che politica. Ad ottobre del 2019 i fatti danno ragione ai propri detrattori, infatti al secondo fumetto serio 'Artidoro' giungerà un grande successo inaspettato, il palcoscenico di 'Lucca Comics'. Si vede che da lassù gli hanno detto di cambiare strada e adesso infatti è iniziata la nuova avventura editoriale con L'Osservatore

Marco Ristori ha 503 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Marco Ristori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.