Furto in Piazza Mazzini al Bar “Smile caffè”

Continua la triste serie dei colpi a Livorno, nella notte tra mercoledì 22 e giovedì 23 gennaio si registra un nuovo furto in Piazza Mazzini al Bar “Smile caffè”

Furto in Piazza Mazzini al Bar “Smile caffè”
Smile Caffè fotografia fatta da un lettore

Ennesimo colpo nella notte tra mercoledì 22 e giovedì 23 gennaio, alle 01,00 circa i ladri irrompono nel bar “Smile caffè” sfondando la vetrina. Una volta dentro il locale, i malviventi hanno cominciato la razzia e, per incrementare il bottino, hanno sfondato la porta del tabaccaio adiacente, come potete vedere dalla fotografia.

Furto in Piazza Mazzini al Bar “Smile caffè”
Fotografia della porta danneggiata tra bar e tabaccheria, fatta da un lettore

Ma prima che i ladri potessero penetrare anche il questo locale, per rendere più pingue il proprio bottino, si è azionato l’allarme e così sono stati costretti ad una fuga molto veloce. All’azionarsi della sirena e del dispositivo di inoltro di informazione di furto sono giunti i titolari del bar e della tabaccheria e alle 01,20 una volante della Polizia di Stato, che ha raccolto le testimonianze e fatto i rilievi.

Ripeteremo per l’ennesima volta quanto detto in altri casi come questo, la refurtiva non ammonta a molto, ma i danni sono veramente ingenti

vetrina sfondata, fotografia fatta da un lettore

Stamattina i clienti …

… che andavano a fare colazione o a bere un caffè e prendere le sigarette, si sono ritrovati davanti questo desolante spettacolo.

Ormai è lapalissiano che non accenni a fermarsi l’ondata di furti a Livorno, nonostante gli sforzi delle forze dell’ordine, a cui non si può certamente muovere critica, anzi vanno elogiati per il lavoro svolto. Insomma i ladri vengono acciuffati dagli agenti, per poi tornare a delinquere, al di là dei proclami sull’abolizione della prescrizione, servirebbe qualcosa in più sulla certezza della pena.

Stay Tuned

Per leggere i nostri articoli vai sulla nostra pagina Facebook oppure sul nostro giornale on line

Marco Ristori

Nato il 25 Marzo del 1966 sin dalla più giovane età si è distinto per mettersi nei guai a causa di incaute caricature. Laureato nel 2009 in Scienze e Tecnologie dell'Ambiente a Pisa, ha continuato il proprio hobby della satira, fino ad approdare alla Nazione, dove l'allora caporedattore Cruschelli lo lanciò. Il vignettista poi diventò un personaggio televisivo, continuando a fare satira sia sportiva che politica. Ad ottobre del 2019 i fatti danno ragione ai propri detrattori, infatti al secondo fumetto serio 'Artidoro' giungerà un grande successo inaspettato, il palcoscenico di 'Lucca Comics'. Si vede che da lassù gli hanno detto di cambiare strada e adesso infatti è iniziata la nuova avventura editoriale con L'Osservatore

Marco Ristori ha 1255 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Marco Ristori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.