Allo “Scida” gli amaranto incassano l’ennesima sconfitta

Marras porta in vantaggio il Livorno, poi Cuomo e Crociata costringono i labronici all’ennesima sconfitta

ENNESIMA SCONFITTA
Manuel Marras, autore della rete amaranto – Fonte Livorno Calcio

Il campionato del Livorno continua ad essere un calvario; anche a Crotone gli amaranto non riescono ad invertire la tendenza, incasellando l’ennesima sconfitta. L’undicesima in 16 giornate di campionato, numeri da incubo. Non è bastato il ritorno al gol dopo tre settimane di astinenza, di Marras, per tornare in riva al Tirreno con qualche punto in carniere. Eppure qualche progresso si è apprezzato, grazie alla mano di Paolo Tramezzani; il tecnico ha ormai scelto il 3-5-2 come modulo prediletto, senza trascurare il passaggio alla linea a 4 durante il match dello “Scida”. Ed anche in attacco, fermo restando l’incredibile anemia delle punte centrali, qualcosa in più si è visto, grazie ai lampi di Marras, in questo momento elemento imprescindibile per i meccanismi amaranto.

Pareggio irregolare

Se poi alle indubbie deficienze – Breda o Tramezzani, Tramezzani o Breda – si aggiungono anche episodi sfavorevoli, beh allora il quadro diventa a tinte fosche che più fosche non si può. Già perchè la rete del pareggio del Crotone è viziata da un episodio a dir poco dubbio; fermo restando che l’uscita di Plizzari non è stata di quelle da tramandare ai posteri, sul conseguente rimpallo il fallo di mano di Simy è stato lampante come la luce di un faro in una notte senza luce. Lampante per tutti, ma non per l’ineffabile Minelli che ha lasciato correre, convalidando il susseguente pareggio di Cuomo. Intendiamoci, la responsabilità dell’ennesimo ko amaranto non va ascritta a questa decisione della “giacchetta nera”, ma sicuramente quel mancato fischio ha cambiato l’inerzia della gara. Della serie “agli zoppi, pedate negli stinchi”.

Il futuro

Certo che dallo “Scida” il Livorno torna con il morale a terra; non solo per la sconfitta, quanto perchè la zona playout si allontana sempre più. Complice il contemporaneo pareggio della Juve Stabia sul Venezia, la Tramezzani band è adesso a -8 dalla zona playout. Un margine arduo come scalare il K2 da recuperare per una squadra che ha raccolto appena 11 punti in 17 partite. Situazione da allarme rosso. Un rosso che gli amaranto proveranno a stemperare negli ultimi due incontri del 2019 che sta per andare in archivio; servono punti, tanti punti, nelle sfide contro il Pescara, nel giorno di Santo Stefano al “Picchi”, e l’Empoli, domenica prossima. Necessari per accorciare la classifica, in attesa che la società provveda a potenziare la rosa di Tramezzani con i necessari rinforzi.

Per leggere i nostri articoli vai sulla nostra pagina Facebook oppure sul nostro giornale on line

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.