Calcio, il monte ingaggi del Livorno è da zona retrocessione

Uno studio della Gazzetta dello Sport dice che il monte ingaggi del Livorno è da zona retrocessione

Calcio, il monte ingaggi del Livorno
Fotografi tratta dalla Pagina Facebook ‘AS Livorno Calcio’

“In questa stagione la società ha speso tanto”, “Il Livorno paga ingaggi elevatissimi”, “Ci sono giocatori con ingaggi da Serie A”; quante volte abbiamo ascoltato questi discorsi dagli sportivi ed anche da molti addetti ai lavori, in primis il presidente Spinelli nella intervista concessa domenica sera ad una TV provata labronica. Discorsi, appunto, e non fatti reali, almeno a leggere il documentato reportage che Nicola Binda, da sempre addentro i fatti della categoria, ha pubblicato stamane sulla Gazzetta dello Sport. Dal quale emerge che il Livorno non è che si sveni, quanto a monte ingaggi, anzi.

Cinque milioni e mezzo

Già perché il monte ingaggi del Livorno, stando a quanto pubblicato sull’autorevole quotidiano sportivo, è come la squadra, in piena zona retrocessione. La società di Via Indipendenza spende per remunerare la propria rosa un totale di 5.648.285 euro, al lordo delle tasse. In una ipotetica graduatoria questo “tesoretto” è il quintultimo della categoria.

Dietro ci sono soltanto quelli del Cittadella, in Veneto sanno far fruttare i loro soldi, e bene, del Trapani, del Cosenza e della Juve Stabia. Altro che spese pazze sul mercato, e stipendi da nababbi. Una situazione che rende più comprensibile la disgraziata stagione amaranto.

Chi più spende, più si diverte

Già perché l’analisi delle spese per gli ingaggi fa capire che la classifica è, quasi sempre, proporzionale agli stipendi percepiti dai calciatori. Il Benevento investe oltre 14 milioni – quasi tre volte il Livorno – ed è primo in classifica, il Frosinone 13 e mezzo e sta risalendo la graduatoria manco avesse gli stivali dalla sette leghe. Insomma, il messaggio è chiaro, chi più spende, più si diverte. Un messaggio che la società amaranto, da sempre con il braccino corto, dovrebbe memorizzare bene in vista del prossimo mercato di gennaio.

Per leggere i nostri articoli vai sulla nostra pagina Facebook oppure sul nostro giornale on line

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.